Home Team sociale

Team sociale

Francis Nathan Abiamba in arte Afran, nasce a Bidjap in Camerun nel 1987. Dopo avere frequentato l’istituto di formazione artistica di Mbalmayo, si diploma in ceramica. Coltiva poi la pittura presso gli atelier dei più grandi pittori Camerunesi e Congolesi. Del 2006 è l’incontro con Salvatore Falci, professore di arti visive all’accademia di belle arti di Carrara che segna una svolta nella sua ricerca artistica.

Nel 2008, presenta la sua prima personale al centro culturale Spagnolo di Bata in Guinea Equatoriale, terra nella quale si reca alla ricerca delle sue radici. Questa mostra apre la porta a tutta una serie di esposizioni personali e collettive tra Guinea Equatoriale, Camerun, Spagna e Italia dove ora risiede. La public art, l’installazione e la performance, rappresentano attualmente i linguaggi più coerenti ed adeguati alla sua ricerca attorno alla tutela dell’identità culturale nel mondo contemporaneo.

Parallelamente al suo progetto artistico, Afran collabora stabilmente da tre anni con Casa Don Guanella di Lecco (comunità educativa) dove, mettendo a disposizione le sue capacità artistiche, contribuisce al percorso educativo dei ragazzi ospiti nel centro.

e-mail: abiambafrancis@yahoo.fr

Afran Francis Nathan Abiamba
Artista, Lecco (Lc)

Luca Rossi, nato nel 1976 a Pavia, città dalla quale emigrerà per amore nel 2013 fino a giungere sulle sponde lecchesi del lago di Como, dopo aver provato diverse esperienze lavorative, in qualità di “studente-lavoratore”, si laurea nel 2009 presso l’università di Pavia, in Scienze Sociali per la Cooperazione, lo Sviluppo Internazionale e la Pace .

Nel 1994 inizia la sua attività di volontario del soccorso, per “truccarsi” successivamente da “clown di corsia”, fondando e assumendo la carica di presidente della sezione pavese dell’Associazione “Viviamo In Positivo Vip Pavia Onlus”. In seguito inizia e diventa consigliere nazionale delegato ai grandi eventi della “Federazione Viviamo In Positivo Vip Italia Onlus”, organizzando le prime edizione dell’ormai nota “Giornata del Naso Rosso”. Dopo alcuni anni come speaker volontario presso una radio pavese, decide di prestare la propria voce per la registrazione di audio libri destinati a ipo-vedenti, ciechi e dislessici. Nel 2014 affronta il complesso e dannoso problema del gioco d’azzardo creando l’associazione “Movimento No Slot” con l’intento di sensibilizzare la realtà sociale sulla pericolosità del gioco d’azzardo, impegnandosi anche nella creazione e conduzione di gruppi di aiuto, composti da ex giocatori d’azzardo.

Parallelamente all’attività solidale nazionale, elabora, gestisce e monitora in loco progetti di cooperazione internazionale (Birmania, Guatemala, El Salvador, Burundi). Attualmente ricopre l’incarico di coordinare il gruppo regionale dell’Associazione Italiana dei Progettisti Sociali per la quale sta creando e collegando tutti i professionisti residenti e operanti in regione Lombardia.

e-mail: lrossi76@gmail.com

Luca Rossi
Progettista sociale e educatore, Lecco (Lc)

Chiara Ciresa nasce a Lecco nel 1975. Si diploma al Liceo Linguistico e inizia subito la sua carriera lavorativa nel settore del turismo.

Da tempo impegnata nella Parrocchia San Francesco di Lecco dove è cresciuta, offre il suo tempo in varie attività di volontariato: nell’Associazione “Il cenacolo francescano”, nell’animazione liturgica, e soprattutto nel “Gruppo Missionario”, con lo scopo di sensibilizzare la comunità ai valori di fratellanza, solidarietà e amore, affinché ognuno si senta chiamato in prima persona a essere missionario nella propria famiglia, nell’ambiente di lavoro e nella vita quotidiana.

Le esperienze vissute dal gruppo in terra di missione hanno dato vita non solo a numerosi progetti di solidarietà, ma anche a iniziative di sensibilizzazione della comunità per una partecipazione attiva, nel dialogo e nell’incontro con popoli di cultura, religione e realtà differenti.

e-mail: chiaracirri75@gmail.com

Chiara Ciresa
Volontaria, Lecco (Lc)

Aurélie Potier nasce nel 1981 a Bruxelles, Belgio. Dopo essersi laureata ed aver lavorato in Belgio, si trasferisce in Italia nel 2007.

Negli otto anni successivi ha l’occasione di lavorare presso varie realtà sociali del territorio lecchese e non, in diverse mansioni, e questo le ha permesso di sviluppare una buona conoscenza del mondo sociale. Oltre alla sua attività privata (psicologia della salute) sta attualmente iniziando una collaborazione con un medico di base nell’ambito di un progetto nazionale per la salute mentale. Lavora anche come psicologa part-time per un’associazione, e le piace variare gli impegni e moltiplicare le collaborazioni e le esperienze professionali e formative.

Per il Polo No Profit propone i suoi servizi di consulenza alle équipe di professionisti e di operatori sociali, sia a livello di supervisione che di formazione, includendo le sue competenze di progettista alle quali affianca una perfetta padronanza della lingua francese e inglese.

e-mail: dottssa.potier@gmail.com

Aurélie Potier
Psicologa clinica, Galbiate (Lc)
 COSA FACCIAMO 
Il team sociale raggruppa le competenze di professionisti che lavorano nel mondo dell’arte, del volontariato e nell’ambito della progettazione sociale.

Arte. Oltre a essere una mezzo capace di trattare tematiche sociali l’arte, tramite i laboratori creativi, diventa anche uno strumento educativo.

Volontariato. È la forma nella quale ciascuno si impegna in prima persona in un’attività di aiuto e di sostegno verso altre persone, animali o situazioni ambientali, con generosità, interesse per l’altro e partecipazione, individualmente o tramite associazioni organizzate.

Progettazione sociale. Un progetto parte sempre dall’analisi di un bisogno per arrivare all’individuazione delle soluzioni più opportune, tenendo conto degli aspetti economici, della sua sostenibilità e possibilità di riuscita. Un progetto è sociale quando si riferisce alla persona, il cui benessere costituisce l’obiettivo primario. Progettazione sociale non significa in primo luogo rincorrere fondi, ma generare reti per fare fronte comune contro il disagio e la povertà.